San Francesco Grande - Padova

Vai ai contenuti

Menu principale:



con


Benedizione a Frate Leone
Il Signore ti benedica e ti custodisca,
mostri a te il suo volto e abbia
misericordia di te.
Rivolga verso di te il suo sguardo
e ti dia pace.
Il Signore benedica te, frate Leone.
Promemoria della settimana
DOMENICA XXXIII T. O.
19 NOVEMBRE 2017 Anno A

1. Martedì: festa della Madonna della Salute, particolarmente venerata nella nostra chiesa, che ne conserva l’antica effige nell’altare a lei dedicato. Il programma lo trovate esposto nella locandina nelle bacheche in fondo alla chiesa. Ricordo soprattutto la messa delle ore 16.00, preceduta alle ore 15.30 dalla recita del Rosario. Nella messa  ci sarà l’amministrazione dell’Unzione degli Infermi e al termine della messa l’adorazione eucaristica con la benedizione  a tutti i presenti. Alle ore 18.30 canto del vespero e affidamento delle famiglie alla Madonna, seguirà la messa vespertina alle ore 19.00
2. Venerdì alle ore 21.00 lectio divina sul vangelo della domenica.
3. Sabato alle 9.30 Assemblea diocesana in Cattedrale, presieduta dal vescovo. Sabato festeggiamo il compleanno di P. Giovanni. L’augurio lo accompagniamo con l’orante ricordo.
4. Domenica prossima , ultima domenica dell’anno liturgico, solennità di Cristo Re.
5. Oggi si apre il mercatino, allestito nella sala S. Francesco nel chiostro del convento, il cui ricavato va a sostegno delle opere parrocchiali. Un invito a visitare e acquistare.
Mt 25,14-30: Parabola dei talenti
«14Avverrà infatti come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. 15A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì. Subito 16colui che aveva ricevuto cinque talenti andò a impiegarli, e ne guadagnò altri cinque. 17Così anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnò altri due. 18Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone. 19Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro. 20Si presentò colui che aveva ricevuto cinque talenti e ne portò altri cinque, dicendo: “Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque”. 21“Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. 22Si presentò poi colui che aveva ricevuto due talenti e disse: “Signore, mi hai consegnato due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due”. 23“Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. 24Si presentò infine anche colui che aveva ricevuto un solo talento e disse: “Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso. 25Ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento sotto terra: ecco ciò che è tuo”. 26Il padrone gli rispose: “Servo malvagio e pigro, tu sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; 27avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse. 28Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. 29Perché a chiunque ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha. 30E il servo inutile gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”».
CELEBRAZIONI LITURGICHE
NELLA NOSTRA CHIESA

Giorni feriali                 Giorni festivi

ore  7.00     Lodi                   10.00 S. Messa Parr.
ore  7.15     S. Messa                 sospesa
ore  18.15   Vespero             18.45 Vespero
ore  18.30   S. Messa            19.00 S. Messa
Torna ai contenuti | Torna al menu